Torino Design of the City, verso una città accessibile. Dal 12 al 21 ottobre

Italy Piedmont Turin New Architectures- Campus Einaudi

Con oltre sessanta appuntamenti dedicati al design accessibile torna, da venerdì 12 a domenica 21 ottobre, “Torino Design of the City. Corsi, incontri, laboratori, workshop, eventi, mostre, spettacoli e tour guidati in tutta la città dedicati al tema dell’accessibilità riferita a strutture, servizi e attività culturali saranno ospitati in diverse sedi.
La seconda edizione vede il coinvolgimento di enti, istituzioni culturali pubbliche e private, musei, teatri e biblioteche.

Tra le iniziative, che rientrano all’interno del progetto “Torino. Verso una città accessibile” promosso nel mese di ottobre nell’ambito dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, sono in programma molteplici iniziative (programma completo su www.torinodesigncity.it).
Il calendario propone inoltre il primo “Forum Internazionale sull’Accessibilità Culturale” il 16 e 17 ottobre presso l’Aula Magna della Cavallerizza Reale dell’Università degli Studi di Torino. Due giornate aperte al pubblico con ingresso libero con la presenza di rappresentanti di Copenaghen, Graz e Montreal, di alcune Città Creative UNESCO italiane (Alba, Bologna, Carrara, Fabriano, Milano, Pesaro e Roma) e di esperti a livello nazionale e internazionale per discutere insieme come una città può progettare e produrre cultura in modo accessibile e favorire così la partecipazione, l’inclusione e l’accoglienza.

Nominata World Design Capital dal Word Design Organization (WDO) nel 2008 e Città Creativa UNESCO per il Design dal 2014, Torino, unica in Italia in una rete di 26 città di tutto il mondo, riconosce il design come un elemento chiave per la crescita economica e sociale e un fattore strategico per lo sviluppo di nuove politiche urbane e per questo, dopo il grande successo ottenuto dalla scorsa edizione, ha scelto di continuare a lavorare per ridisegnare la città in un’ottica di accessibilità culturale con processi condivisi e ideati insieme ai cittadini e alle comunità del territorio, secondo bisogni ed esigenze specifiche.




“Grazie alle solide radici manifatturiere il comprensorio torinese continua a distinguersi per creatività, continuando a diffondere nel mondo il gusto del made in Italy – ha sottolineato la sindaca Chiara Appendino -. E’ fuor di dubbio che il design sia uno dei fattori non solo estetici e funzionali che contribuiscono a offrire opportunità di crescita economica. Tuttavia la sfida che lancia l’Amministrazione comunale, in occasione delle iniziative sull’accessibilità, è quella che il design sia protagonista delle politiche urbane, a partire dalla progettazione di spazi comuni confortevoli e inclusivi. Ripensando, ad esempio alle strutture museali o contribuendo con idee nuove a realizzare manifestazioni in maniera che possano essere superate le barriere fisiche e cognitive. Sono convinta che il livello di civiltà di una società si misuri davvero sulla capacità di non escludere alcuno, soprattutto se il motivo dell’esclusione si chiama disabilità. Una comunità vera – continua la Sindaca – ha il dovere di creare le condizioni perché ciò non avvenga, mai e per nessuna ragione. E il contributo che design e design thinking possono dare all’accessibilità è di assoluta priorità nel promuovere una cultura dell’accessibilità che porti all’accessibilità della cultura”.

“Torino. Verso una città accessibile” è un progetto della Città di Torino nell’ambito dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale con il sostegno di Fondazione CRT, Camera di Commercio di Torino, Università degli Studi di Torino e Politecnico di Torino realizzato con Turismo Torino e Provincia, in collaborazione con il Tavolo Consultivo del Design.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.