L’informazione pedala, sulle Bici-T finanziate da un bando Anci-Conai. Nuova campagna di educazione ambientale del Covar 14

Bici - T Covar 14

Cambia il modo di comunicare, l’informazione si muove, al passo con i tempi, e trova, letteralmente,  nuovi mezzi e nuove forme di espressione. Graffiti e biciclette, ad esempio.  Anche l’educazione ambientale si fa itinerante, per raggiungere borgate e quartieri e per avvicinare chi è disposto a mettersi in gioco.
Il Covar 14 adotta le Bici-T per la nuova campagna di comunicazione sul territorio dei 19 Comuni consorziati, dedicata alle buone pratiche per la gestione dei rifiuti.
Dopo i punti informativi fissi che, negli ultimi anni sono stati allestiti tra i banchi dei mercati, nelle piazze, in occasione di eventi, fiere e manifestazioni popolari, ora l’informazione cammina, anzi pedala.
Non sono i cittadini interessati ad avvicinarsi al gazebo del Covar14, né gli animatori incaricati dal consorzio ad approcciare i passanti davanti allo stand, ma sono i tricicli a pedalata assistita che raggiungono punti diversi della città.



Bici - T Covar 14L’esordio della nuova campagna è stato nei giorni scorsi a Rivalta di Torino e il ‘viaggio’ delle informazioni sulla buona raccolta differenziata è continuato a Piossasco, Orbassano,Beinasco, e prosegue da venerdì 29 marzo a martedì 2 aprile a Nichelino, mercoledì 3 aprile a La Loggia, sabato 6 aprile a Trofarello e da lunedì 8 a venerdì 12 aprile a Moncalieri.
In ogni Comune di muoveranno due bici, seguendo itinerari che porteranno a coprire tutto il territorio.
“Puntiamo su una comunicazione dinamica, itinerante, a impatto ecologico zero, capace di incuriosire e portare il messaggio, coinvolgendo prima di tutto con l’originalità del mezzo e poi con la sua funzione – ha commentato Leonardo Di Crescenzo, presidente del Consiglio di Amministrazione Covar14 – Questa nuova iniziativa di comunicazione è finanziata grazie a un bando Anci Conai, dedicato proprio alle attività di comunicazione. Abbiamo partecipato e portato a casa il contributo, che ci consente di rinnovare ancora una volta, su tutto il territorio, l’invito a differenziare. Il messaggio questa volta è dedicato all’abbandono della plastica, un problema che non possiamo trascurare e su cui stanno cercando di attirare l’attenzione tutte le realtà che si occupano di ambiente”.
L’allestimento delle bici richiama l’attenzione sui danni che facciamo all’ambiente, evocando con slogan e immagine una delle più celebri canzoni italiane, ‘Grazie dei Fior’, portata al successo da Nilla Pizzi nel 1951, alla prima edizione del Festival di Sanremo.
L’iniziativa di coinvolgimento, realizzata nei 19 Comuni grazie al supporto dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) e del Consorzio per il recupero degli imballaggi (Conai), cerca di raggiungere più persone possibile anche con un altro canale di comunicazione originale.
In aprile, sul selciato di luoghi particolarmente frequentati, saranno realizzati stencil di 1 metro per 1 metro, dipinti con un’idropittura liscia, a base di yogurt e senza metalli pesanti. I ‘graffiti green’, disegnati con la tecnica degli stencil, rilanciano il messaggio portato in giro dalla biciclette e sbiadiranno poco a poco, senza lasciare residui, grazie alla composizione naturale.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.