TORINO – A Fiat Mirafiori il Primo Maggio è un Grande cammino popolare

Un coreografo anticipatore di nuovi linguaggi artistici, Virgilio Sieni; un musicista eclettico, Michele Rabbia; centoventi interpreti tra cittadini e artisti di ogni età e provenienza: saranno loro i protagonisti della performance collettiva TORINO | BALLO 1945 _ GRANDE CAMMINO POPOLARE che andrà in scena martedì Primo Maggio allo Spazio MRF – ex stabilimento Fiat Mirafiori di Torino (via Settembrini 164), alle ore 17. L’accompagnamento musicale dal vivo è affidato al percussionista Michele Rabbia. Ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti.
Non c’era migliore occasione della Festa del Lavoro e dei Lavoratori per presentare al pubblico questo evento partecipativo ideato da Virgilio Sieni e coprodotto con la Compagnia Virgilio Sieni Cango che ha richiesto due mesi di produzione e di prove intensive in otto spazi, dalle periferie al centro di Torino e Novara.

Il coreografo di fama internazionale ha costruito delle azioni corali che prevedono il coinvolgimento di oltre un centinaio di cittadini dagli 8 agli 80 anni, di diversa provenienza, professione ed estrazione sociale con l’intento di contribuire, tutti insieme, alla rigenerazione di spazi urbani attraverso nuove forme artistiche e relazionali. Il risultato in questo caso è un’operazione che dà vita a un quadro e un movimento collettivo che richiama il famoso dipinto ‘Il Quarto Stato’ di Pellizza da Volpedo, esposto per la prima volta proprio a Torino nel 1902.

Da uno spazo industriale riconvertito in luogo di cultura e arte contemporanea come l’ex stabilimento Fiat nel quartiere Mirafiori a un altro, cioè l’ex centrale termica Officine Lancia nel quartiere San Paolo ora sede della Fondazione Merz (via Limone 24).
Qui, nfatti, al termine della giornata Virgilio Sieni offrirà, dalle ore 20.30, una breve lezione “agita” e di riflessione sul tema dei doveri del cittadino, che per il coreografo coinvolgono il corpo e la relazione con “ogni uno”. La lezione I DOVERI DEL CORPO dura 60 minuti ed è aperta a tutti fino a esaurimento posti (consigliata prenotazione: tel. 011.19719437).

TORINO| BALLO 1945 rientra nel progetto La Città Nuova – Giovani, lavoro e comunità in cammino, ideato dall’Associazione Didee Arti e Comunicazione e realizzato in partenariato con Filieradarte Torino, Merkurio – Progetti musicali, Musica e Spazi incontri tra architettura e musica, Istituto Salvemini – Torino e Associazione Almaterra, che affronta il tema dell’innovazione civica indagando il ruolo delle arti performative partecipate e il lavoro artistico e di cura come risorsa per la comunità.

 

Il progetto, avviato a Torino a febbraio, proseguirà fino a novembre: attraversando simbolicamente – tappa dopo tappa, appuntamento dopo appuntamento – tutta la città lungo una linea retta, da Barriera di Milano, attraverso il Polo del ‘900 per terminare a Mirafiori, dal Centro Interculturale per le donne Alma Mater allo spazio MRF.
Nato con l’obiettivo di approfondire le trasformazioni del lavoro e si compone di un articolato programma di eventi, laboratori e convegni attorno al tema dell’innovazione culturale e delle professioni artistiche, con l’impegno di promuovere la partecipazione attiva e la formazione del pubblico dello spettacolo dal vivo, con un occhio di riguardo ai giovani.





E’ realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo (nell’ambito del “Bando Polo del ‘900”, destinato ad azioni che promuovono il dialogo tra ‘900 e contemporaneità usando la partecipazione culturale come leva di innovazione civica).
TORINO| BALLO 1945_GRANDE CAMMINO POPOLARE è il primo dei due appuntamenti di maggio: il prossimo sarà martedì 8, ore 21, al teatro Lavanderia a Vapore di Collegno (via Pastrengo 51) dove si terrà “Border Tales- Racconti di frontiera”, una performance di sette artisti della compagnia londinese Protein Dance sulla migrazione e gli stereotipi della Gran Bretagna multiculturale.

Foto delle prove  Ewa Gleisner – Foto cartolina Ela Bialkowska.

Viviana Allegri

 

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.