170 anni fa l’inaugurazione della tratta ferroviaria Torino-Moncalieri. Conferenza, mercoledì 26 settembre, per ricordare l’inizio di un’impresa di grande significato

Centosettanta anni fa si cominciava a viaggiare in treno da Torino a Moncalieri e viceversa. L’inaugurazione, avvenuta il 24 settembre 1848, degli 8 km di ferrovia che separano il capoluogo da Moncalieri segnò l’inizio di un’impresa di grande significato politico, sociale e culturale.
La Torino-Moncalieri è infatti  la tratta appartenente al progetto del primo tronco della Ferrovia Torino-Genova da Torino a Novi Ligure, approvato dal Re Carlo Alberto e dal Regio Governo nel 1847, con uno stanziamento di 6 milioni di lire dell’epoca, per un’opera di 90 Km.
Camillo Cavour nel 1846, due anni prima dell’inaugurazione della linea Torino-Moncalieri affermava che lo sviluppo della rete ferroviaria in Italia era “presagio di un avvenire migliore”. Per quanto grande – scriveva – “saranno i benefici materiali che le ferrovie porteranno all’Italia, ancora maggiori saranno i loro effetti morali sulla penisola…”.

Per ricordare l’evento, mercoledì 26 settembre, ore 17.30, alla Biblioteca civica “A. Arduino” di Moncalieri (via Cavour 31), Rosanna Roccia,  direttore “Studi Piemontesi” terrà la conferenza “Torino-Moncalieri, 24 settembre 1848. 8 km di ferrovia, l’inizio di un’impresa di grande significato politico, sociale e culturale”.
Interverranno Franco Lucia di Rete Ferroviaria Italiana del Gruppo FSMargherita Sardella dell’Associazione Europea Ferrovieri Filippo Beraudo di Pralormo; Lino Malara; coordina Albina Malerba.La conferenza sarà preceduta da un saluto dell’assessore alla Cultura dei Moncalieri Laura Pompeo.


L’appuntamento rientra nel ciclo SGUARDI SU MONCALIERI/ Incontri per una Storia della città, organizzato in collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura della Città di Moncalieri, la Biblioteca civica “A. Arduino” e il Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis di Torino.

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.