A San Nazzaro la festa della velocità sulle acque del Po con il 18esimo GP Motonautico

A San Nazzaro, sulle acque del Po che bagnano il il comune piacentino, è andato in scena il 18esimo GP Motonautico del Po, evento organizzato dall’     in collaborazione con C&B Racing Team, valido per il Campionato Mondiale F500, il Campionato Europeo in prova unica F250, il Campionato Italiano Open F2, Osy 400, Formula Junior e il Campionato Italiano Radiocomandata motonautica F1. 

Podio tutto italiano nell’Europeo della F250, dove ad aggiudicarsi il titolo 2019 è stato il campione piacentino Claudio Fanzini (in foto archivio 2018)Il pilota di Caorso, portacolori dell’Effeci Racing Team, ha vinto le prime due manches di gara e chiuso le successive due manche con un quinto e un secondo posto, conquistando così il gradino più alto del podio europeo (aggiudicandosi così il suo primo titolo europeo in carriera in questa classe, che va ad affiancare il titolo mondiale della O/250 vinto nel 2018).

Secondo classificato a San Nazzaro e medaglia d’argento, Andrea Ongari, il cremonese del Circolo Nautico Chiavenna; la medaglia di bronzo è finita invece nelle mani di un agguerritissimo Marco Malaspina (piacentino di Caorso, anch’egli portacolori del C.N. Chiavenna).
Le quattro manches di gara dell’Europeo F250 sono state disputate tutte oggi, poiché sabato la manifestazione è stata sospesa a causa dell’incidente subìto dal piacentino Alessandro Cremona nella manche di apertura. Un brutto incidente che per fortuna si è risolto in modo meno grave di quanto si temesse. Il 36enne della AMD San Nazzaro (vincitore di numerosi titoli mondiali, europei e italiani di motonautica Circuito), è stato subito trasportato all’ospedale di Parma con elisoccorso; ha riportato alcune fratture di costole e vertebre, fortunatamente non da operare, ma è sempre stato vigile.

Per quanto riguarda le altre gare di San Nazzaro, bella vittoria del piacentino Giuseppe Rossi nella seconda tappa del Mondiale F500; Rossi ha chiuso manches di gara con due secondo ed un terzo posto e i punti necessari per salire sul gradino più alto del podio davanti al campione del mondo in carica, lo slovacco Marian Jung (secondo classificato) e all’ungherese Attila Havas (terzo a podio e attuate leader di classifica provvisoria).

A laurearsi Campione Italiano 2019 di F2 è stato invece Paolo Longhi, il pilota piemontese di Casal Monferrato, classe 1969, portacolori della ASD Rainbow Team Association. Un bel successo per Longhi, che ha vinto il suo primo titolo italiano di F2, imponendosi rispettivamente sul bergamasco Domenico Leidi (Club Nautico Gabbiane) e sull’udinese Luca Fornasarig (Gruppo Sport. Motonautico). “È stato un weekend pazzesco e non me ne sto ancora rendendo conto”, commenta soddisfatto il neo campione. Abbiamo iniziato con le prove di sabato mattina che erano perfette poi, però, ci sono stati dei problemi tecnici e degli imprevisti fino al pomeriggio della domenica. Il risultato è stato, quindi, una sorpresa che ben ripaga la fatica e gli sforzi fatti. Quando ci si mette il cuore il risultato arriva”.

Infine, nella gara piacentina del Campionato Italiano Osy 400 nessun problema per il leader di classifica, Luca Finotti. Il pilota della AMD San Nazzaro ha vinto nettamente anche questa 2^ tappa stagionale, lasciando a Fabio Bacco (C&B Racing Team) e a Mattia Ghiraldi (AMD San Nazzaro) il secondo e terzo gradino del podio.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.