Pane Amore e Fantasia – I nostri lettori ci scrivono

pane amore e fantasia

Riceviamo e pubblichiamo.

Nel 1950 (ai tempi del film “Pane amore e fantasia”) la popolazione mondiale era di circa 2,5 miliardi di cui circa  il 8,8 in Africa; il 55,6 in Asia; il 21,7 % in Europa;il 6,6% America latina e Caraibi; il 6,8% America del Nord; lo 0,5% in Oceania.

Ora siamo a quasi 8 miliardi e nel 2050 potremmo essere circa 9 miliardi, di cui circa: il 19,8% in Africa; il 59,1% in Asia; il 7% in Europa; il 8,5% America latina e Caraibi; il 4,4% in America del Nord; lo 0,5% Oceania.

Se facciamo adesso alcuni raffronti e considerazioni tra le risorse del pianeta su cui viviamo (che sono un dato fisso), crescita della popolazione, aree geografiche e ricchezza potremmo avere delle sorprese preoccupanti.

Direi proprio di partire dalle risorse del pianeta e del consumo delle stesse; è un dato pressoché pacifico che, al momento, in un anno consumiamo quasi il doppio delle risorse che il pianeta è in grado di rigenerare nel periodo dato; pertanto stiamo puntando all’autodistruzione se non interveniamo subito.

Possiamo intervenire in due modi: ridurre il consumo pro-capite (decrescita infelice) in particolare nel mondo “ricco”; fermare la crescita della popolazione e nel medio periodo ridurla a livelli compatibili con il carico antropico sopportabile dal pianeta; questa è l’ipotesi che più mi preoccupa perché, ai livelli di consumo pro-capite attuali, per pareggiare i conti con le risorse del pianeta occorre quasi dimezzare la popolazione attuale ed eventualmente ridiscutere i criteri della distribuzione della ricchezza, altro problema non da poco.

Proseguiamo nella nostra analisi dei dati.

Se sovrapponiamo su un planetario i dati della popolazione e della ricchezza pro-capite scopriamo che:

– l’emisfero Nord è molto più popolato e più ricco dell’emisfero Sud;

– la fascia compresa tra il Tropico del Capricorno e quello del Cancro è quella con un reddito pro-capite molto basso ed in cui si prevede la maggior crescita della popolazione;

– la fascia sopra il Tropico del Cancro è quella più ricca e con una minor previsione di crescita della popolazione; se, inoltre, consideriamo solo la parte a Nord del 45° parallelo notiamo che questa è proporzionalmente la parte più ricca del pianeta e con previsione di crescita della popolazione quasi zero se non negativa. In questa fascia, infatti, troviamo l’America del Nord, l’Europa, la Russia, il Giappone e la Cina, tutte le principali economie del mondo.

Questo squilibrio geo – economico – politico è impossibile che non abbia delle conseguenze.

Siccome (siamo tutti figli di Caino perché Abele è stato ucciso) non credo che i cittadini / governanti della parte “più evoluta” del pianeta siano molto ben disposti a cedere grandi risorse ai meno fortunati che, tra l’altro, saranno sempre di più. Temo che, in qualche modo, saranno adottate “politiche” di contenimento / decremento delle popolazioni occupanti le aree meno fortunate del mondo.

A mia avviso la domanda non è tanto se accadrà ma come accadrà, qualche ipotesi la potrei anche azzardare …. ma sono tutte orribili.

Lettera firmata

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.