Riapertura dei rifugi alpini, il contributo della Regione Piemonte

rifugi alpini

Sostegno  alla montagna e aiuti per riaprire i rifugi. E’  diventata operativa la misura 196 del Piano Riparti Piemonte, che prevede l’erogazione di 500 mila euro ai rifugi alpini ed escursionistici presenti sul territorio regionale, quale contributo per l’adeguamento alle norme anti Covid-19. Nella seduta di Giunta del 5 giugno, infatti, sono state approvate, su proposta del vicepresidente e assessore alla Montagna, Fabio Carosso, le modalità operative affinché queste strutture possano in tempi rapidi usufruire delle agevolazioni.

La misura prevede che ogni rifugio possa ricevere un contributo di importo massimo di 2 mila euro, a copertura dell’acquisto di materiali e attrezzature da utilizzare per la sanificazione degli spazi e per facilitare il distanziamento degli ospiti, spese che devono essere state effettuate dopo il 4 maggio 2020.

A giorni, dicono dalla Regione, il Settore Sviluppo della montagna emetterà un bando, a cui i soggetti gestori dei rifugi alpini ed escursionisticci, i proprietari o, su delega, le associazioni che li rappresentano, potranno partecipare, presentando la rendicontazione dei costi sostenuti.

“I rifugi – ha dichiarato il vicepresidente Carosso – rappresentano degli importanti presidi in territori anche isolati, che assicurano sempre un pernottamento di fortuna agli escursionisti. Era quindi importante la loro riapertura, naturalmente in conformità alle norme anti-Covid. Di qui la decisione di erogare loro un sostegno economico concreto e in tempi brevi, per consentire di mettere in sicurezza le strutture e affrontare al meglio la stagione estiva in arrivo, che, stando alle prenotazioni, si sta profilando ricca di turisti”.



Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.