Laboratorio a La Loggia – Inaugurato il Centro regionale di Biologia molecolare

laboratorio a la loggia

Da www.regione.piemonte.it

E’ stato inaugurato ieri, mercoledì 2 settembre, a La Loggia il Centro regionale per la Biologia molecolare. Realizzata da Regione e Arpa Piemonte anche con il contributo di Assicurazioni Generali e Intesa Sanpaolo la struttura svolgerà attività analitiche, di approfondimento e di ricerca applicata nel campo della virologia ambientale con la finalità di sviluppare conoscenze sulle interazioni dei virus con l’ambiente.
“l Piemonte non si farà trovare impreparato in caso di inasprimento della pandemia: nei mesi trascorsi dall’inizio dell’emergenza è passato da 2 a 27 laboratori di analisi, portando la propria capacità di fare tamponi dai 320 al giorno dei primi tempi ai 13.000 potenziali attuali”, sottolineano dalla Regione.
Il nuovo Centro è dotato di sistemi robotizzati che consentiranno di analizzare in breve tempo un gran numero di tamponi e di un laboratorio di ultima generazione per la manipolazione di virus che richiedono un livello di Biosicurezza 3, che permetterà lo sviluppo di tecniche analitiche all’avanguardia per il monitoraggio di virus anche emergenti in campioni ambientali, approccio questo ancora in larga parte inesplorato.



Una parte di queste apparecchiature, acquistate da un’azienda americana ma prodotte in Cina e ferme da metà agosto alla dogana di Malpensa a causa di complicazioni burocratiche, è arrivata proprio durante l’evento. “La situazione è stata sbloccata grazie all’intervento dell’Unità di Crisi della Regione, che in stretta collaborazione con l’Ufficio delle Dogane di Torino ad Orbassano ha individuato la soluzione per “liberare” la pratica. “Piemonte 1 Burocrazia 0”, ha commentato il presidente della Regione, che ha anche scritto la frase a pennarello su uno degli scatoloni.
“Il nuovo Centro sarà l’unico in Italia in grado di fare test anche di tipo ambientale. – spiegano dalla Regione – Proprio da questi, che comportano la ricerca del Covid per esempio nelle acque reflue o nei filtri dell’aria degli ospedali, partirà l’attività dal 10 settembre. Da fine mese si inizierà con l’analisi dei tamponi, dopo avere montato i robot in videoconferenza con i tecnici americani e avere seguito tutte le procedure sempre necessarie per validare un laboratorio. A farlo funzionare sono giovani professionisti altamente specializzati, con lauree in Biologia, Biotecnologie e Tecniche di laboratorio biomedico, che hanno appena terminato un ulteriore corso di formazione specifica. Così, il Centro sarà un luogo dove l’esecuzione di test diagnostici, la ricerca e sviluppo di nuove tecnologie analitiche e il monitoraggio ambientale coesisteranno in maniera sinergica.”
Alla cerimonia sono intervenuti iI presidente della Regione Piemonte, gli assessori regionali alla Sanità e all’Ambiente e Ricerca applicata Emergenza Covid-19, il direttore generale di Arpa Piemonte, Angelo Robotto, il sindaco di La Loggia e il direttore Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo, Michele Coppola.
Il presidente della Regione ha evidenziato che all’inizio della pandemia il Piemonte poteva contare solo su due laboratori mentre adesso ne ha 27, ed ha sottolineato che è stato detto molte volte, ma che è giusto ripeterlo perché è fondamentale per capire lo sforzo enorme fatto in pochissimo tempo. Si è infatti passati dalla possibilità di processare solo 300 tamponi al giorno ad una potenzialità, oggi, di 13.000. Ha quindi anticipato che per il mese di settembre la Regione sta predisponendo almeno 6.000 tamponi al giorno e darà un canale d’accesso prioritario per gli screening a scuola. Il presidente ha concluso evidenziando che il nuovo laboratorio dell’Arpa darà un supporto fondamentale, perché era uno dei tanti chiusi negli anni passati e la Regione non solo ha voluto riaprirlo, ma lo renderà una eccellenza in Italia.
L’assessore all’Ambiente e Ricerca Applicata Emergenza Covid-19, nel sottolineare come il laboratorio di La Loggia torni a far parte del patrimonio regionale dopo essere stato chiuso e abbandonato per cinque anni, ha dichiarato come lo stesso sarà il più grande laboratorio regionale di virologia ambientale e, in caso di emergenza, a disposizione anche del servizio sanitario regionale con un gruppo di giovani biologi molecolari che si occuperanno di analizzare i campioni. Passo sostanziale la sinergia con le Università di Torino e del Piemonte orientale, partner fondamentali per combattere la pandemia. Pertanto, il Piemonte c’è ed è pronto per affrontare un autunno “caldo”.
L’assessore regionale alla Sanità ha posto l’accento sul fatto che il massiccio ampliamento della dotazione attuale di laboratori di analisi consente di essere molto più attrezzati nell’affrontare eventuali recrudescenze del Coronavirus nei prossimi mesi ed ha annunciato che la Regione ha provveduto all’acquisto di un milione di test molecolari rapidi.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.