Trent’anni da Re Peperone – Carmagnola dedica una mostra a Lorenzo Piana

lorenzo piana re peperone

Lorenzo Piana taglia il traguardo dei trent’anni come Re Peperone, la maschera simbolo di Carmagnola, e la città celebra questo compleanno importante dedicandogli una mostra in Municipio. La sua lunga e gloriosa carriera, impegnativa ma ricca di soddisfazioni, viene ripercorsa attraverso “I trent’anni di Re Peperone”, ricordati con fotografie,documenti e materiali vari.
La prima apparizione di Piana nei panni della tradizionale maschera folkloristica carmagnolese è del 1991, quando sfilò al palio della Giostra dei Delfini a fianco di Adriana Rattalino, Bela Povronera di quell’anno. Fu la Pro Loco, guidata all’epoca da Roberto Tosi, a scegliere l’allora trentacinquenne Renzo per impersonare la maschera ideata negli anni Cinquanta dal fumettista carmagnolese Sebastiano Craveri e poi rinata nel 1982 con Adriano Berardi. E da quel momento Piana non si è più fermato. Re Peperone ha tra l’altro anche ottenuto l’inserimento nel Registro delle Maschere Italiane.
“E’ un ruolo che svolgo con tanta passione, orgoglioso di rappresentare la mia città – osserva Piana – In questo trentennio ho fatto quasi duemila uscite, a Carmagnola, in Piemonte e in altre regioni e al mio fianco si sono avvicendate ventidue Povronere, che ricordo con grande piacere. Ringrazio di cuore tutti coloro che mi sostengono e mi hanno sostenuto”.
La mostra documentaria, che ricostruisce nei locali al piano terra e al primo piano del Palazzo municipale (ingresso da piazza Manzoni)  un pezzo di storia e tradizioni locali, è stata inaugurata in occasione della Fiera del Perone e sarà visitabile ancora fino a mercoledì 30 settembre.
L’esposizione è organizzata per quadri, uno per ogni anno, dal 1991 a oggi, con foto e ritagli di giornali, manichini vestiti con la giacca della Carmagnole, con i costumi di Re Peperone, della Bela Povronera e altri costumi, oggetti, un video con filmati e alcune canzoni popolari.
Ulteriori informazioni: www.comune.carmagnola.to.it.

 


 

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.