Dalla Regione un contributo mensile per chi si prende cura a casa di familiari disabili o non autosufficienti

cura

Contributi mensili in arrivo per coloro che assistono a casa un familiare. La Regione Piemonte interviene a sostegno di chi svolge un ruolo di cura e di assistenza a domicilio a propri familiari portatori di disabilità o non autosufficienti (i cosiddetti caregiver).

Per questa operazione sono stati stanziati complessivamente 11 milioni di euro. Di questi, cieca la metà (5,5 milioni), secondo l’indicazione del decreto ministeriale risalente a ottobre 2020, verranno elargiti sotto forma di contributo mensile variabile tra 400 e 600 euro previa richiesta ai Servizi sociali di zona e valutazione delle unità competenti delle Asl in base al grado di non autosufficienza dei pazienti; gli altri 5,6 milioni saranno concessi sotto forma di stanziamento straordinario ai caregiver che durante il periodo del Covid state costretti ad abbandonare il lavoro o sono stati messi in cassa integrazione; in questo caso saranno i Servizi sociali di zona a valutare caso per caso la situazione attraverso un meccanismo di punteggi e il contributo da 400 euro a 600 euro al mese sarà determinato anche in base al valore del modulo Isee.

Le domande potranno essere presentate dal mese di maggio.

“In questo modo – ha spiegato  l’assessore alle Politiche sociali Chiara Caucino – si dimostrano ancora una volta la vicinanza della Regione nei confronti dei più fragili e di chi ha ‘combattuto’ in prima linea la battaglia contro il Covid assistendo in prima persona i propri parenti non autosufficienti o portatori di disabilità. Si tratta di persone che hanno svolto un compito cruciale nell’assistenza dei più fragili e che spesso hanno dovuto subire danni e gravi rinunce per poter assistere i loro cari”.

L’assessore Caucino ha inoltre assicurato che si farà portavoce con il ministro alle Disabilità, Erika Stefani, affinché la prima misura venga rifinanziata dal Governo una volta terminante le risorse oggi disponibili.

 




 

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.