Aperto il bando voucher scuola 2021-22: richieste da presentare entro il 18 giugno

voucher scuola

E’ stato aperto il bando della Regione Piemonte per il voucher scuola 2021-22, il contributo per gli acquisti legati al diritto allo studio. Per caricare le domande di partecipazione  secondo una procedura che, novità di quest’anno, è più facile e semplice, ci sarà tempo fino alle ore 12 del 18 giugno.

La dotazione finanziaria ammonta ad oltre 19 milioni di euro grazie all’integrazione tra risorse regionali e contributo statale per i libri di testo; ulteriori 350.000 euro dedicati alle scuole paritarie saranno aggiunti al capitolo “iscrizione e frequenza” ed integrati prima della chiusura del bando.

“Il nostro obiettivo – sottolinea Elena Chiorino, assessore regionale all’Istruzione – è sempre quello di garantire il diritto allo studio al maggior numero di famiglie possibile, in modo che nessuno venga lasciato indietro o solo. Con l’erogazione dei voucher scolastici, aumentati rispetto allo scorso anno di 1,5 milioni di euro ed integrati con altri 350.000, vogliamo offrire un sostegno concreto alle famiglie. Un aiuto che quest’anno è ancora più significativo vista la necessità di fruire ancora della didattica a distanza”.

Chiorino fa anche presente che è stato reso più semplice il sistema di presentazione delle domande mediante un portale di accesso unico che consentirà una compilazione più facile e veloce anche da smartphone. E’ inoltre disponibile un breve videotutorial realizzato dalla Regione in collaborazione con il Csi per spiegare in modo chiaro tutto quello che è necessario sapere”.

Per informazioni e dettagli consultare:
https://www.regione.piemonte.it/web/temi/istruzione-formazione-lavoro/istruzione/voucher-scuola/voucher-scuola-2021-2022




Nello specifico,  19,6 milioni di euro stanziati sono così ripartiti:  6,7 milioni sono destinati al bando “libri di testo, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, attività integrative previste dai piani dell’offerta formativa, trasporti”, 4,5 milioni al bando “iscrizione e frequenza”. Le risorse regionali saranno integrate dal contributo statale per libri di testo per oltre 7,2 milioni.
Cambiano  le modalità di presentazione della domanda: quest’anno non sarà più effettuata su Sistema Piemonte ma su Piemonte Tu, il portale di accesso unico per i servizi al cittadino, che consentirà una compilazione più semplice e veloce, anche da smartphone.
E’ possibile prepararsi con anticipo alla presentazione della domanda compiendo tre passi: dotarsi dell’Isee 2021;richiedere le credenziali Spid; registrarsi sulla piattaforma PiemonteTu.it; attivare le notifiche per il servizio “TUIstruzione – Voucher Scuola” nella sezione “Configurazione notifiche”.

Il modulo dedicato sarà disponibile nella nuova area servizi TUIstruzione. Si tratta di una compilazione agevole e guidata, al termine della quale sarà possibile inviare subito la domanda di voucher scuola. Il richiedente riceverà una mail di conferma dell’avvenuto invio della domanda sull’indirizzo di posta elettronica registrato tra i dati di contatto sul portale, dove sarà disponibile anche il servizio “Verifica stato domanda voucher scuola”.
Dopo la pubblicazione delle graduatorie, il servizio permetterà di recuperare il numero della domanda effettuando una ricerca per Codice Fiscale dello studente (il numero della domanda verrà spedito via mail all’indirizzo di posta associato alla domanda presentata) e di verificare lo stato della domanda (“ammessa e finanziata”, “ammessa e non finanziata”, “non ammessa”) nelle graduatorie pubblicate, effettuando una ricerca per numero della domanda.
Il voucher è destinato a studenti residenti in Piemonte alla data di pubblicazione del Bando. Con i seguenti requisiti: iscritti per l’anno scolastico 2021/2022 (inizio settembre 2021) a scuole primarie, secondarie di primo o secondo grado statali o paritarie appartenenti a Istituzioni scolastiche facenti parte del sistema nazionale di istruzione o a corsi di formazione professionale organizzati da agenzie formative accreditate ai sensi della legislazione vigente e finalizzati all’assolvimento dell’obbligo; che non abbiano già conseguito un titolo di studio di scuola secondaria e in ogni caso entro i 21 anni compiuti alla data di pubblicazione del bando; che debbano assolvere il Diritto-Dovere all’istruzione e alla formazione ovvero conseguire un Diploma o, se prevista, una qualifica professionale triennale; il cui nucleo familiare di appartenenza abbia un indicatore della situazione economica equivalente in corso di validità (I.S.E.E. anno 2021) non superiore ad Euro 26.000 (ventiseimila). Il valore I.S.E.E. non dovrà essere indicato dal richiedente. La Regione Piemonte acquisirà direttamente le attestazioni I.S.E.E. in corso di validità e presenti nella banca dati INPS alla data di chiusura del Bando.

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.