Migliaia di visitatori a Moncalieri per Rose al Castello: un successo oltre le aspettative

rose al castello

E’ stata un successo, di pubblico e di eleganza, oltre le aspettative la quinta edizione di Rose al Castello: l’evento florovivaistico e culturale  di Moncalieri Città nel Verde ha richiamato in città migliaia di persone sabato 3 e domenica 4 luglio. Un Giardino delle Rose vestito a festa ha accolto una delle edizioni più piacevoli e riuscite nella storia della manifestazione: in due giorni molte migliaia di visitatori  hanno varcato i cancelli del luogo più amato dalla principessa Maria Letizia, ultima inquilina di sangue reale del Castello. 

Quindici i vivaisti presenti con i loro stand, tra i quali diverse aziende che proponevano i più vari prodotti derivati dalla trasformazione della rosa. Un colpo d’occhio incantevole, premiato da un flusso di pubblico sostenuto fin dalle prime ore di apertura sabato, attratto in particolare dal curatissimo e variegato programma di eventi inseriti nella manifestazione, oltre che dalla concomitante apertura al pubblico degli appartamenti reali del Castello, finalmente di nuovo visitabili dopo uno stop durato alcuni mesi. Particolarmente apprezzati, tra gli intermezzi rivolti alle famiglie, i due spettacoli portati in scena dalla Compagnia Marionette Grilli (sia sabato che domenica alle 15).

rose al castello

Diversi gli eventi che hanno arricchito il programma, tra cui si segnala il momento iniziale al mattino del sabato, dedicato a presentare il libro I dubbi del giardiniere. Storie di slow gardening di Paolo Pejrone, con al tavolo dei relatori, tra gli altri, Anna Peyron insieme a Maria Luisa Cosso e Paola Eynard della Fondazione Cosso/Castello di Miradolo. I molti momenti musicali e di danza. E ancora: presentazioni di libri, attività laboratoriali per famiglie, incontri, oltre a cinque mostre tematiche. Un mix che fa da sempre la fortuna e il successo di una manifestazione sempre più apprezzata e conosciuta ben oltre i confini locali. Un evento che ha come modello principale il glorioso Premio della Rosa d’Oro, il concorso internazionale che da ben 70 anni si celebra sulle alture del Beutig a Baden-Baden, città gemellata con Moncalieri. La stessa città da cui proviene il membro della giuria del Premio Nathalie Dautel.

Madrina della manifestazione è stata la vivaista ed esperta di rose antiche Anna Peyron che ringrazio insieme al presidente onorario Paolo Pejrone, e al professor Marco Devecchi, fondatore con me nel 2017 della manifestazione e presidente della giuria del Premio della Rosa – commenta soddisfatta l’assessore alla Cultura Laura Pompeo  – ai media che con grande attenzione ci hanno seguiti, agli uffici che si sono dedicati. Gli espositori arrivati da diverse regioni con i loro prodotti di qualità altissima (positivamente impressionati dall’affluenza di pubblico), i coltivatori di fiori rari e preziosi, i relatori, gli artisti, gli operatori dei laboratori, gli artigiani”. Infine ringrazia l’appassionato staff dell’Associazione Kòres. Il coinvolgimento di espositori e vivaisti era affidato a Simonetta Chiarugi, “ma un grandissimo grazie lo devo alle molte migliaia di persone che, venendo a trovarci, ci hanno confermato la stima e la fiducia che ripongono in noi e nella nostra proposta culturale. Una sensazione bellissima e impagabile”.

rose al castello

La manifestazione è organizzata dalla Città di Moncalieri-Assessorato alla Cultura con l’Associazione Culturale Kòres, con il patrocinio di Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Coldiretti, Inbar (Istituto nazionale bioarchitettura) e Disafa (Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino). 

L’appuntamento , fin d’ora, alla prossima edizione: primo week-end di giugno del 2022.

 




 

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.