“I colori delle fede a Venezia: Tiziano, Tintoretto, Veronese” – Maestri del Rinascimento per la prima volta in mostra a Cuneo

colori della fede

Tiziano Vecellio, Annunciazione (particolare)

E’ aperta fino al 5 marzo “I colori delle fede a Venezia: Tiziano, Tintoretto, Veronese”, la mostra che porta per la prima volta a Cuneo i capolavori di tre grandi maestri che hanno segnato la storia dell’arte occidentale. L’Annunciazione di Tiziano, il Battesimo di Cristo di Veronese e lUltima Cena di Tintoretto della chiesa dei Santi Gervasio e Protasio  si possono ammirare ancora per qualche settimana  negli spazi del Complesso Monumentale di San Francesco (via Santa Maria 10 – www.fondazionecrc.it/mostre

Il progetto espositivo,  inaugurato a novembre e promosso dalla Fondazione CRC in collaborazione con Intesa Sanpaolo, rimanda al ruolo di Venezia e della Repubblica Serenissima quale “porta del mondo” con i suoi commerci e la sua diplomazia, e a quello di Cuneo quale via d’accesso a ovest attraverso le Alpi, che divengono luogo di permeazione reciproca tra Italia e Francia e di costruzione di una eccezionale identità.

Le opere esposte rappresentano alcuni fra i più grandi capolavori che la Chiesa veneziana possiede, sia per importanza sia per dimensione. Le cinque grandi pale d’altare non sono mai state mostrate insieme e in pochissime altre iniziative sono uscite da Venezia. Un’occasione unica di approfondimento del ruolo di queste opere nel loro contesto e l’importanza nella storia dell’arte del dialogo svoltosi tra Tiziano, Tintoretto e Veronese.

La mostra è curata da don Gianmatteo Caputo e Giovanni Carlo Federico Villa e realizzata con il supporto organizzativo di MondoMostre.

Il percorso di visita si apre con una sala dedicata a Venezia, che sottolinea il suo ruolo e quello della Repubblica Serenissima quale ‘porta del mondo’, con i suoi commerci e la sua diplomazia. Il percorso espositivo entra quindi nel vivo nella sala principale, dove ognuna delle cinque opere trova casa in altrettante cappelle. La prima opera è l’ “Annunciazione” (1563-1565) di Tiziano e proviene dalla chiesa di San Salvador. Del Veronese vengono presentate il “Battesimo di Cristo” (1560-1561) dalla chiesa del Redentore e la “Resurrezione di Cristo” (1560 circa) dalla chiesa di San Francesco della Vigna. Di Tintoretto vengono esposte l’ “Ultima Cena” (1561-1566) dalla chiesa dei Santi Gervasio e Protasio detta San Trovaso e la “Crocifissione” (1560 circa) dalla chiesa di Santa Maria del Rosario detta dei Gesuati. Due delle opere esposte, il “Battesimo di Cristo” del Veronese e la “Crocifissione” di Tintoretto sono state restaurate nell’ambito di edizioni passate di Restituzioni, il programma di restauri curato e gestito da Intesa Sanpaolo.

Orari di apertura: dal martedì al venerdì dalle 15.30 alle 19.30 (al mattino apertura solo su prenotazione per scuole e gruppi), mentre il sabato e la domenica seguirà un orario continuato dalle 10 alle 19.30. Ingresso gratuito. Visite guidate solo su prenotazione. 

 




 

 

 

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.