Inalpi case history alla Business School San Telmo a Siviglia, raccontata dal presidente Ambrogio Invernizzi

inalpi

Davanti a un centinaio di manager e imprenditori del comparto food e grande distribuzione spagnolo, nei giorni scorsi  Inalpi si è raccontata come case history alla Business School San Telmo a Siviglia. L’ateneo è tra ,e migliori scuole di business al mondo, con specializzazione in campo alimentare insieme alla Harvard Business School e alla Cornell University statunitensi.

Una collaborazione, quella con San Telmo, che ha avuto inizio alcuni anni fa e che recentemente ha visto l’azienda lattiero casearia di Moretta protagonista nelle sessioni di incontro e formazione della Business School tenutesi nel mese di novembre 2023 a Pollenzo e a inizio 2024 a Vevey in Svizzera.

Narratore di una case history per molti versi unica il presidente di Inalpi  Ambrogio Invernizzi: “E’ sempre con estrema soddisfazione che prendo parte a questi incontri perché ritengo che questa esperienza , così come quelle dei mesi scorsi, presenti una doppia valenza. Innanzitutto, la possibilità di raccontare la storia della nostra azienda sotto diversi punti di vista, ripercorrendo non solo la strada fatta per la costruzione di una filiera che oggi è un sistema a cui si guarda con estremo interesse, ma anche di esporre le scelte perseguite negli ultimi anni, scelte che ci hanno consentito di realizzare una performance che ha registrato una crescita di fatturato che è passata dai 30 milioni di euro del 2010 ai 279 del 2023. Ma questi incontri sono anche strumento di crescita per tutti, perché consentono di creare conoscenza e informazione, condivisione e racconto dei progetti attuati anche nell’ambito dell’innovazione di prodotto e dei processi produttivi, creando un confronto trasversale tra aziende che appartengono realtà e Paesi diversi. Sono queste opportunità che consentono di comprendere meglio, e in modo diverso, le esigenze del mercato e che
rappresentano un percorso formativo anche per Inalpi che, attraverso il dialogo, le richieste e le indicazioni di interlocutori nazionali ed internazionali, cresce e mette in campo nuovi progetti”.

 

 




 

Condividi questo articolo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.