Lavori in corso – L’ex ospedale di Carignano diventerà Hospice Faro e potrà accogliere anche i servizi Asl

ex ospedale

Carignano – Cantiere ex ospedale (foto Comune di Carignano)

Avviati a giugno, procedono i lavori, la cui durata complessiva è prevista di un anno,  di ristrutturazione dell’ex ospedale civile di Carignano, in via San Remigio.  Il cantiere per la realizzazione del nuovo hospice Faro dedicato alle cure palliative, segna la fase finalmente realizzativa di un progetto a cui la Fondazione sta lavorando da lungo tempo e che  sarà intitolato alla memoria di Alfredo Cornaglia, “che con la sua generosità – avevano spiegato dalla Fondazione – ha permesso il raggiungimento di questo grande traguardo: la struttura sarà infatti realizzata grazie al lascito del professore a favore della Faro e gestito dalla Fondazione Compagnia di San Paolo”.

ex ospedale

Carignano – Cantiere ex ospedale (foto Comune di Carignano)

wx ospedale

Carignano – Cantiere ex ospedale (foto Comune di Carignano)

Per Carignano l’operazione, che si concluderà a giugno del prossimo anno, ha un notevole valore  e significato, da molti punti di vista, come sottolinea il sindaco Giorgio Albertino che nei giorni scorsi è stato invitato ad un sopralluogo e ha quindi potuto prendere visione dello stato di avanzamento dei lavori accompagnato dal presidente della Fondazione Giuseppe Cravetto,  dal progettista e direttore dei lavori architetto Fulvio Farago e da alcuni componenti dell’ufficio tecnico comunale: “La visita mi ha colpito molto positivamente – commenta il sindaco Albertino – . Anche se, appunto, è un cantiere, sta già prendendo forma come diventerà  il nostro vecchio ospedale,  a lavori terminati. Intanto il ripristino degli spazi originari e l’eliminazione di quanto nel tempo si era aggiunto per adeguare i locali alle diverse destinazioni che si erano succedute negli anni,  sta riportando alla luce l’antico splendore della struttura, pregevole dal punto di vista storico e architettonico, con il suo lungo corridoio, la scalinata.  Un lavoro davvero straordinario. Una volta conclusa l’opera, la città potrà godere di un bene valorizzato e che torna ad un completo utilizzo, con una destinazione diversa da quella  per cui l’hanno conosciuto e frequentato, o magari ci sono mati, generazioni di carignanesi,  ma  non meno importante. Avremo proprio qui uno dei punti di riferimento della Faro, che ha scelto Carignano tra altre possibili sedi,  e ci sarà la possibilità, per l’Asl, di accorpare tutti i servizi territoriali”. L’opera costituisce una vera, e molto più che simbolica,  restituzione alla città, che tanto aveva combattuto per evitare la chiusura dell’ospedale (decisa in un’ottica di riorganizzazione in cui, tra gli anni ’80 e ’90,  aveva prevalso il mantenimento e potenziamento del San Lorenzo di Carmagnola). Nemmeno la mobilitazione pubblica, che aveva visto l’intera comunità carignanese unita nella difesa del presidio sanitario locale, era riuscita a scongiurare il trasferimento delle attività e il progressivo abbandono della struttura. Era rimasta una ferita che ora può finalmente rimarginarsi.

Il recupero edilizio, infatti,  metterà anche in evidenza il valore storico-artistico dell’edificio sede dell’ospedale civile  di Carignano fino agli anni ’80  e, più a lungo termine,  consentirà di accorpare i vari servizi dell’Asl TO5 presenti nel Comune di Carignano, trasferendoli in un’unica sede.

ex ospedale

Carignano – Cantiere ex ospedale (foto Comune di Carignano)

Gli interventi, oltre alla creazione di 14 posti  stanze con bagno interno, prevedono una ristrutturazione completa sia dal punto di vista edilizio che impiantistico: attualmente infatti l’edificio è utilizzato parzialmente e solo al piano terra, mentre le restanti parti sono in disuso.

I quattordici posti letto dell’hospice a Carignano andranno ad aggiungersi ai 34 già esistenti nella struttura torinese, e si svilupperà su un’area di oltre 1500 metri quadrati.

“Coprirà l’intera zona dell’Asl TO5, che al momento non dispone di hospice – avevano spiegato il presidente Giuseppe Cravetto e il segretario generale Paolo Ravizza alcuni mesi fa, in occasione dell’apertura del cantiere -. Per questo motivo abbiamo individuato in Carignano la location ideale per la realizzazione della nuova struttura, che rispecchia la mission primaria della Faro: rendere sempre più accessibili le cure palliative alla cittadinanza, riducendo i tempi di attesa e migliorando l’assistenza offerta. Inoltre, verrà avviato anche un ambulatorio di cure palliative, sempre all’interno del complesso”.

Carignano – cantiere  (foto Comune di Carignano)

La conclusione dei lavori è prevista per il 30 giugno 2021, con un costo complessivo di realizzazione di 3.160.000 euro. La concessione è stata assegnata dall’Asl per vent’anni. In questo periodo la Faro si impegnerà a ristrutturare l’immobile adeguando e umanizzando gli spazi esistenti a cui vanno aggiunti il rifacimento dei tetti, della centrale termica e degli ascensori. La superficie totale ai piani è di 1.775 mq di cui 1.540 destinati esclusivamente all’hospice   e 235  di spazi comuni. Sta per aprirsi un nuovo capitolo, dunque, per un edificio dalla storia plurisecolare e utilizzato da sempre per scopi sanitari , costruito nel ‘700 e oggetto di ampliamenti nell’800 e ‘900.

ex ospedale

Carignano – Cantiere ex ospedale (foto Comune di Carignano)




 

 

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.