Il Piemonte rilancia il turismo con una campagna di comunicazione multilingue e la vendita dei voucher vacanza

turismo in piemonte

Sacra San Michele, abbazia simbolo del Piemonte

Il Piemonte riparte anche dal turismo e lancia una nuova campagna di comunicazione. Tra gli slogan “Sei nostro ospite 2 notti su 3”, “Bellezza singolare”, “Gusto singolare”, “Libertà singolare”, e “Spirito singolare: sono alcuni dei messaggi  che nei prossimi sei mesi  la  Regione Piemonte diffonderà in Italia e nei Paesi dell’area Schengen.

L’avvio della campagna coincide soprattutto con  l’inizio della vendita dei voucher vacanza, che permettono ai visitatori di poter trascorrere tre notti in strutture ricettive (hotel, B&B, campeggio, alloggio, agriturismo) pagandone solamente una, corredati dall’ulteriore bonus che propone uno sconto del 50% su varie esperienze e servizi turistici collegati ad un soggiorno in Piemonte. L’iniziativa dei voucher, incentrata sul messaggio “in Piemonte la vacanza vale di più e sino a fine 2021 triplica il suo valore: sei ospite 2 notti su 3”, è coordinata dai Consorzi turistici piemontesi con il coinvolgimento di tutte le strutture ricettive alberghiere, extralberghiere e all’aria aperta operanti sul territorio. I voucher possono già essere acquistati, con promozione commercializzabile fino al 30 agosto 2020 prorogabile fino al 31 dicembre 2020, e la loro validità si estenderà fino al 31 dicembre 2021. Tutte le informazioni si trovano su www.visitpiemonte.com.

“Il turismo rappresenta uno dei pilastri dell’economia del nostro territorio – ha affermato il presidente Alberto Cirio insieme al vicepresidente Fabio Carosso e all’assessore al Turismo, Vittoria Poggio – Tutte le misure del piano RipartiTurismo sono state costruite insieme agli operatori del settore per dare una risposta efficace e concreta all’intera filiera. Da una parte i contributi a sostegno del comparto, uno dei più danneggiati dai mesi di lockdown. E dall’altra questa campagna di comunicazione che punta a rilanciare l’immagine e il brand Piemonte. La riscoperta della natura, dei borghi e dei centri storici, le attività open air e la buona tavola saranno ancora più attrattive grazie all’iniziativa dei voucher, perché i turisti che sceglieranno il nostro territorio saranno ospiti del Piemonte 2 notti su 3”.

La campagna di comunicazione, illustrata dal direttore generale di VisitPiemonte, Luisa Piazza, rientra nel più ampio pacchetto di iniziative per il rilancio turistico post-Covid messo a punto dalla Regione Piemonte, con un investimento complessivo di circa 1,3 milioni di euro per la campagna di comunicazione integrata, declinata sui diversi prodotti e mercati, e circa 5 milioni per il voucher vacanze. E’ frutto di un importante lavoro di squadra voluto dall’Assessorato regionale alla Cultura, Turismo e Commercio, coordinato da VisitPiemonte (la società in house della Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte per la valorizzazione del territorio) in collaborazione con Unioncamere Piemonte, tutte le Agenzie Turistiche Locali, le Camere di Commercio, e con la partecipazione dei Consorzi turistici del Piemonte sotto la regia della Federazione dei Consorzi turistici Piemonte Incoming.

Il piano di comunicazione e promozione multilingue – inglese, francese e tedesco, oltre all’italiano – si articola su quattro livelli: una campagna advertising “ombrello” evocativa delle attrattive piemontesi; una campagna social declinata in immagini legate ai vari territori e proposte turistiche. Focus tematici della campagna il turismo attivo (rinforzato anche dal lancio della nuova piattaforma piemontescape.com), gli itinerari storico-artistici, i percorsi enogastronomici, cammini e spiritualità. Questi i punti di forza del territorio: dai 34 Comuni Bandiera Arancione ai 20.000 km di percorsi escursionistici e ciclo-escursionistici, fino alle 94 aree naturali protette e a tutte le opportunità di attività outdoor. Verranno evidenziati i siti piemontesi della World Heritage List, i nostri 14 “Borghi più belli d’Italia”, i percorsi che toccano ricetti e cattedrali, abbazie e fortezze. Focus importante sarà inoltre quello sulla cucina e i prodotti della regione, dal Tartufo Bianco d’Alba alle 17 docg e 42 doc dei vini, fino ai 46 chef stellati Michelin.



Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.