Il Pronto soccorso di Carmagnola chiude nelle ore notturne, i casi di Covid aumentano in modo rapido

pronto soccorso Ospedale di Carmagnola Chiusura notturna Pronto Soccorso di Carmagnola

Da questa sera, sabato 24 ottobre, il Pronto soccorso dell’ospedale San Lorenzo di Carmagnola chiude nelle pore notturne (dalle 20 alle 8). “Visto l’incremento sempre più rapido dei casi è necessario procedere con urgenza ad un ulteriore passo dei piani di emergenza previsti per affrontare l’epidemia Covid-19 – spiegano dall’Asl TO5 –  Come è già emerso nei giorni scorsi, fra questi vi è la chiusura temporanea nelle ore notturne del Pronto soccorso di Carmagnola”.
Da questa sera 24 ottobre quindi, dalle ore 20 della sera alle ore 8 del mattino successivo verrà  sospesa temporaneamente  l’attività del Pronto soccorso di Carmagnola. 
“La situazione negli ospedali è critica ed in rapido peggioramento – ha dichiarato il direttore generale dell’Asl TO5, Massimo Uberti –  Stiamo aprendo nuovi reparti per pazienti Covid in tutti i presidi della Asl ed il numero di pazienti da ricoverare è in continuo incremento. Diversamente dalla prima epidemia non siamo in lockdown e non ci avviamo verso la stagione estiva, è da ritenere quindi che la situazione non veda un miglioramento con il procedere dei giorni”.  E’ una decisione molto dolorosa – prosegue Uberti -, spero si risolva al meglio ed il più presto possibile onde poter riattivare il Pronto soccorso  h24 e continuare il lavoro dei passati cinque anni per il potenziamento dell’ospedale di Carmagnola”. “E’ una precisazione ovvia ma l’impegno, istituzionale oltre che personale – conclude il Direttore generale -, è a riaprire a pieno regime il Pronto soccorso non appena superata la fase più critica di questa seconda ondata, esattamente come feci il 1° luglio scorso dopo la prima fase dell’epidemia”.
“La città accompagna questa seconda crisi – ha dichiarato Ivana Gaveglio sindaco di Carmagnola – e ci mettiamo a disposizione con quello che possiamo fare e collaborando al massimo con le istituzioni. Continuiamo a raccomandare ai cittadini il rispetto delle regole che ormai conosciamo”.



Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.