TORINO – Le principesse contemporanee di Gavatorta, il pittore delle ombre, a Villa Amoretti

Villa Amoretti è la splendida cornice che ospita, da martedì 6 marzo scorso e fino a sabato 24 marzo,  la prima esposizione de “Le Principesse Contemporanee”, nuovo ciclo pittorico di Fabrizio Gavatorta, conosciuto nel mondo dell’arte come il Pittore delle Ombre. Questo evento realizzato da Città di Torino e dalle Biblioteche Ciiviche torinesi, in collaborazione con l’associazione Itinerarte permette la fruizione da parte dei visitatori di quadri di nuova produzione, mai esposti precedentemente.
Le nuove opere non intendono rinnegare il passato del pittore, ma, anzi, ne proclamano un chiaro ritorno alle origini figurative, primo amore dell’artista.
La settecentesca Villa Amoretti è una delle architetture nobiliari più rappresentative della città di Torino. La mostra sarà allestita all’interno del grande salone aulico, situato nella parte centrale del complesso. Il pittore negli ultimi mesi ha disegnato delle modelle che sono diventate per lo stesso delle muse ispiratrici. Null’altro ha fatto di ciò che si era soliti fare nella pittura impressionista e del primo Novecento, oppure nella pittura classica: cercare la bellezza ed essere ispirato da essa.
Gavatorta ha scelto quindi volti femminili, semplici, privati, visi completamente differenti fra di loro nell’estetica e nelle caratteristiche, nella espressività, ma tutti comunque uniti fra di loro grazie alla sincerità dello sguardo. Sguardi che dimostrano alcune volte timidezza, altre volte gioia, passione. Sempre e comunque emozione.
La scelta è ricaduta su donne e ragazze del nostro vivere quotidiano, del nostro tempo, della nostra epoca. Le ragazze ritratte all’interno di ogni opera donano al fruitore delle stesse i propri sentimenti e la propria intimità, donano al pittore la propria espressività e la propria naturalezza.
L’artista ha rappresentato di conseguenza la donna con tecnica antica, ad olio, oppure con il carboncino, la sanguigna, la fusaggine, il pastello, come si era soliti fare nelle botteghe del passato, realizzando rappresentazioni e ritratti dal sapore antico con l’utilizzo però di un tratto contemporaneo ed attuale che ben ripropone la pittura italiana del nostro tempo.

Evento patrocinato da Regione Piemonte e Città Metropolitana di Torino.
Media partner TRS radio

La mostra sarà visitabile fino al 24 marzo 2018 negli orari di apertura di Villa Amoretti (lunedì 15-19.55; dal martedì al venerdì 8.15-19.55; sabato 10.30-18).
Ultimo giorno di mostra (sabato 24) finissage, interverrà l’artista.

Biblioteca civica Villa Amoretti – corso Orbassano, 200 Torino – tel. 011 01138604/14
Per raggiungere Villa Amoretti con i mezzi pubblici utilizzare linee GTT: 2 – 5 – 58
www.comune.torino.it/cultura/biblioteche

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.