Debito e Pil: esisterà ancora l’Italia? – I NOSTRI LETTORI CI SCRIVONO

 

debito e pil

Riceviamo e pubblichiamo.

Esisterà ancora l’Italia?

Leggo oggi [29 aprile.Ndr] la notizia di un ulteriore declassamento del debito pubblico dell’Italia e mi preoccupo ulteriormente, questo significa un aumento dei tassi sul debito pubblico che, tra l’altro, salirà in valore assoluto ed iperbolicamente rispetto al Pil.

Per effetto del Covid19 dagli inizi marzo e fino ad almeno il 3 giugno tutte le attività, o quasi, saranno bloccate e quindi, praticamente, si perderanno tre mesi di Pil (il 25% dell’anno) ed anche dopo le conseguenze, piaccia o no, si faranno sentire: la ripresa sarà lenta, molte imprese, specie le piccole (bar, ristoranti, parrucchieri, ecc.), massacrate da: ricavi zero, costi fissi, spese per adeguarsi alle nuove normative, non riapriranno o falliranno nei mesi successivi perché oberate dai debiti.

Ci saranno quindi perdite significative di posti di lavoro ed aumento di spesa sociale in assistenza, ammortizzatori sociali…

Il 9 aprile 2020 l’agenzia Ansa diffondeva previsioni di perdita del 11,6 % del Pil ma il 9 aprile eravamo ad un mese di chiusura, ora speriamo di riaprire ai primi di giugno ( 31 maggio domenica, 1 lunedì, 2 festivo).

La perdita di ricchezza a spesa pubblica invariata peggiorerebbe sensibilmente il rapporto debito/Pil che già era al 135%, circa, ma non basta.

Il calo del Pil in termini assoluti si ripercuoterà inevitabilmente sulle entrate fiscali che caleranno e ciò proprio nel momento in cui la spesa pubblica (anticiclica) si dilaterà notevolmente.

Quindi nella concomitanza dei fattori di Pil  in diminuzione, entrate in diminuzione e spesa in forte aumento il rapporto debito/Pil volerà a valori prossimi al 200%.

A questo punto, chiedo a voi: cosa farà l’Europa? Chi comprerà i titoli del debito italiano? A quali tassi? Quali saranno gli sconvolgimenti sociali? E da ultimo esisterà ancora l’Italia?

Lettera firmata



Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.