Veicoli inquinanti: arrivano contributi a fondo perduto per le aziende piemontesi che sostituiscono i mezzi

bando veicoli pubblici inquinanti

bando veicoli inquinanti

Verso la progressiva eliminazione dei veicoli inquinanti. C’è tempo fino al 30 novembre per partecipare al bando della Regione Piemonte che assegna contributi a fondo perduto per complessivi 6,5 milioni di euro da destinare al rinnovo dei mezzi aziendali. Possono usufruirne le e micro, piccole e medie imprese aventi unità locale operativa in Piemonte che acquisteranno mezzi a basso impatto ambientale di categoria M1 (trasporto di persone aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente), M2 ( il trasporto di persone aventi più di otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima non superiore a 5 t.), N1 (trasporto di merci con massa massima non superiore a 3,5 t.), N2 (trasporto di merci aventi massa massima superiore a 3,5 t. ma non superiore a 12), N3 (trasporto di merci con massa superiore a 12 t.).



Sono ammissibili gli investimenti per l’acquisto di veicoli utilizzati per il trasporto in conto proprio, elettrico puro, ibrido (benzina/elettrico solo Full Hybrid o Hybrid Plug In3), metano esclusivo e gpl esclusivo, metano o gpl bifuel (benzina/metano e benzina/gpl), previa rottamazione di un veicolo aziendale M1, M2, N1, N2, N3 per il trasporto in conto proprio alimentato a benzina fino ad euro 1 incluso, ibrido benzina (benzina/metano o benzina/gpl) fino a euro 1 incluso, diesel fino ad euro 4/IV incluso. Ammesse anche le spese di conversione di quelli dotati di sistemi di trazione che utilizzano esclusivamente combustibili diversi dal gasolio.
Ciascuna impresa può presentare fino a dieci domande di contributo a fronte di dieci veicoli commerciali rottamati o convertiti.
Il bando perl’eliminazione dei veicoli inquinanti, gestito da Unioncamere Piemonte, si affianca agli interventi di limitazione della circolazione già previsti, intende contribuire allo sviluppo della mobilità sostenibile e al miglioramento delle emissioni in atmosfera, e quindi della qualità dell’aria. Inoltre, vuole rappresentare un’opportunità sotto il profilo industriale per lo sviluppo e la produzione di tali veicoli e dei relativi componenti.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.