Le luci d’artista tornano a illuminare Torino, novità di quest’anno Miracola in piazza San Carlo

Luci d'artista

Si accendono il 29 ottobre e illumineranno la città fino al 12 gennaio 2020 le Luci d’Artista. La XXII edizione si arricchisce di un’opera nuova. Torino, infatti, amplia la collezione di creazioni artistiche aggiungendo al suo prezioso patrimonio un’inedita installazione luminosa:  ‘M I R A C O L A’ ideata dall’artista di fama internazionale Roberto Cuoghi e realizzata in piazza San Carlo per celebrare il 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci.
Nata nel 1998 con l’obiettivo di portare l’arte fuori dagli spazi istituzionali, apre ufficialmente il ricco palinsesto di proposte dello Speciale Autunno di Contemporary Art Torino+Piemonte, periodo durante il quale si concentra il
maggior numero di appuntamenti dedicati al contemporaneo.

La rassegna propone nel territorio urbano uno speciale percorso lungo il quale il pubblico potrà cogliere le diverse visioni poetiche espresse dalle opere realizzate da artisti accomunati dall’attrazione per la luce, elemento immateriale ricco di potenziale.

Saranno venticinque le installazioni allestite in città, 15 nel centro e 10 nelle circoscrizioni. Molte le novità di quest’anno. A ‘M I R A C O L A’ di Roberto Cuoghi in piazza San Carlo, si aggiunge il riallestimento (con innovazioni tecnologiche e strutturali) di ‘Doppio Passaggio (Torino)’ di Joseph Kosuth, che torna nella sua collocazione originaria scelta dall’artista, il Ponte Vittorio Emanuele I, e ‘Planetario’ di Carmelo Giammello, nuovamente in via Roma. Inoltre, la Città ha dato in prestito 16 costellazioni dell’opera originaria di Giammello alla città de L’Avana che sarà allestita e accesa in contemporanea con la manifestazione di Torino in Calle del Casco Histórico Galiano in occasione delle celebrazioni dei 500 anni dalla fondazione della Capitale di Cuba. L’operazione è realizzata in cooperazione con AICEC – Agenzia per l’Interscambio Culturale ed Economico con Cuba di Torino, il supporto tecnico di IREN e la collaborazione della Fondazione Torino Musei.

Evento culturale particolarmente apprezzato in Italia e all’estero che offre a cittadini e turisti scenari unici nel campo dell’arte, Luci d’Artista è un progetto della Città di Torino realizzato da IREN Smart Solutions e Fondazione Teatro Regio
Torino, con il sostegno di IREN, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT; per il 2019/2020 Main Sponsor FPT Industrial, Sponsor Torino Outlet Village.

“Con Luci d’Artista si apre a Torino una delle stagioni più importanti dedicata alle attività culturali e al ruolo e alla forza dell’arte contemporanea – afferma Chiara Appendino, sindaca di Torino – L’autunno torinese sarà animato da una speciale atmosfera che condurrà il pubblico, cittadini e turisti, in un viaggio emozionale. Le luminarie, che quest’anno si arricchiranno di importanti novità, daranno vita a una serie di ‘set’ d’eccezione in tutto il territorio, dal centro alle circoscrizioni. Con la collocazione delle opere temporanee in luoghi diversi e significativi ci siamo prefissi
l’obiettivo di valorizzarle e farle conoscere a un pubblico sempre più ampio”. “Attraverso Incontri Illuminanti con l’arte contemporanea, parte del nuovo public program del progetto Luci d’Artista – continua – il percorso di partecipazione attiva dei cittadini e delle realtà pubbliche e private operanti sul territorio come scuole, associazioni ed enti, quest’anno attorno all’installazione di Luca Pannoli che sarà allestita in piazza Montale. È anche grazie a queste iniziative che l’evento è diventato, nel corso degli anni, davvero di tutti. Quest’anno Luci d’Artista, inoltre, attraversa l’oceano con la
collaborazione avviata con la Città de L’Avana creando una significativa occasione per promuove il territorio torinese nella Capitale di Cuba”.



“Luci d’Artista, esempio virtuoso di un intervento artistico nello spazio urbano, è diventato un simbolo della nostra città. La rassegna conta numerosi tentativi di imitazione che non ne hanno pregiudicato l’originalità ma, al contrario, arricchito il valore” sottolinea Francesca Leon, assessora alla cultura della Città.mario airò, richi ferrero, 
La cerimonia di inaugurazione, martedì 29 ottobre, si articolerà in due momenti. Alle ore 16.30, alle Officine Caos in piazza Montale, si svolgerà la ‘Festa Illuminante’ nel corso della quale sarà presentato il progetto educativo-artisticoculturale ‘Incontri illuminanti con l’arte contemporanea’, quest’anno dedicato al tema Segni, segnali, simboli, connesso con l’opera luminosa ‘L’amore non fa rumore’ di Luca Pannoli, esposta nella piazza.
Alle 19.30, invece, in piazza San Carlo, con la presentazione dell’inedita installazione luminosa ‘M I R A C O L A’ (co-prodotta dalla Città di Torino e dal Castello di Rivoli, a cura di IREN) di Roberto Cuoghi, che parteciperà all’evento
insieme alle autorità cittadine, e l’accensione in contemporanea di tutte le altre opere,
si darà il via ufficiale a Luci d’Artista XXII.
“Un lampo (di buio) è qualcosa che accade per sottrazione” afferma Carolyn Christov-Bakargiev, direttore del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. “Non uno scontro tra estremità – prosegue – semmai il desiderio
di rendere visibile la tensione dell’uno (il buio) rispetto all’altra (la luce). Si tratta di ripensare il buio non solo come assenza di percezione ma anche dispositivo generatore dell’esperienza individuale e collettiva, un po’ come vivere la piazza la notte come la si viveva nel Settecento, prima dell’illuminazione artificiale. ‘M I R A C O L A’  imperativo del verbo miracolare (da mirari – ammirare), suggerisce un fenomeno visivo fuori dall’ordinario, attribuito a cause soprannaturali. L’esperienza del buio che appare per effetto della sincronizzazione delle luci della piazza appare come l’esperienza miracolosa della sparizione, del non apparire”.

Le ‘Luci’ che illumineranno il centro città saranno: ‘Cosmometrie’ di Mario Airò in piazza Carignano, schemi simbolici e geometrici proiettati sulla pavimentazione urbana; ‘Tappeto Volante’ di Daniel Buren in piazza Palazzo di Città, centinaia di cavi d’acciaio paralleli reggono una ‘scacchiera’ di lanterne cubiche basata su colori primari, il bianco il rosso e il blu (gli stessi della bandiera francese); ‘M I R A C O L A’, la nuova opera di Roberto Cuoghi per celebrare il 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci, in piazza San Carlo, luci pubbliche e private che periodicamente si affievoliranno creando una coreografia luminosa che immergerà i passanti in istanti di assoluta oscurità, per poi reilluminare la piazza; ‘Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime’ di Nicola De Maria in piazza Carlina, lampioni tramutati in fiori luminosi; ‘Il Giardino Barocco Verticale’ di Richi Ferrero in via Alfieri 6 (Palazzo Valperga Galleani), leggere emissioni luminose che restituiscono alla memoria il segno caratteristico delle aree comuni di un giardino ormai scomparso; ‘L’energia che unisce si espande nel blu’ di Marco Gastini nella Galleria Umberto I (opera permanente), un intrico di simboli e segni grafici di colore blu e rosso che si incontrano sul soffitto della galleria; ‘Planetario’ di Carmelo Giammello in via Roma, globi illuminati di varie dimensioni collegati da sottili tubi al neon e circondati da un pulviscolo di piccole luci; ‘Migrazione (Climate Change)’ di Piero Gilardi nella Galleria San Federico, 12 sagome di pellicani applicate a una rete sospesa verticalmente, che si illuminano e si spengono gradualmente, seguendo un algoritmo di controllo; ‘Cultura=Capitale’ di Alfredo Jaar in piazza Carlo Alberto (opera permanente), un’equazione luminosa cultura=capitale che è un invito a pensare alla creatività e al sapere condivisi da tutti i cittadini come al vero patrimonio di un Paese; ‘Doppio passaggio (Torino)’ di Josep Kosuth sul ponte Vittorio Emanuele I (opera permanente), due brani tratti dai testi di Friedrich Nietzsche e Italo Calvino; ‘Luì e l’arte di andare nel bosco’ di Luigi Mainolfi in via Lagrange, la narrazione di una fiaba che si estende come una sequenza di frasi luminose; ‘Il volo dei numeri’ di Mario Merz sulla Mole Antonelliana (opera permanente), sulla cupola il forte segnale luminoso è dato dal valore simbolico della sequenza della serie di Fibonacci dove ogni numero è la somma dei due precedenti; ‘Vento Solare’ di Luigi Nervo in piazzetta Mollino, una grande sagoma luminosa legata alla cosmologia fantastica; ‘Palomar’ di Giulio Paolini in via Po, un antico atlante astronomico costellato da pianeti inscritti in forme geometriche che culmina nella sagoma di un acrobata in equilibrio su un cerchio e le figure rosse dell’installazione ‘Noi’ di Luigi Stoisa si intrecceranno in via Garibaldi.

Nelle circoscrizioni: piazza Livio Bianco (Circoscrizione 2) ospiterà ‘Ice cream light’ della berlinese di adozione Vanessa Safavi, mentre nell’area pedonale di via Di Nanni (Circoscrizione 3) si potrà ammirare ‘Volo su…’ di Francesco Casorati, un filo rosso in flex-neon sostenuto da sagome geometriche di uccelli fiabeschi. Le panchine ‘Illuminated Benches’ di Jeppe Hein saranno in piazza Risorgimento (Circoscrizione 4) e‘L’amore non fa rumore’ di Luca Pannoli in piazza Eugenio Montale (Circoscrizione5). Le ‘Vele di Natale’ di Vasco Are, aleggeranno in piazza Foroni, zona mercato rionale (Circoscrizione 6) e in via Giulia di Barolo – da piazza Santa Giulia a corso Regina Margherita – fluttuerà l’opera ‘Ancora una volta’ realizzata con materiali ecosostenibili e fonti luminose a basso consumo energetico dall’artista piemontese Valerio Berruti (Circoscrizione 7). Sempre nella stessa Circoscrizione, nella vivace piazza della Repubblica, sarà riaccesa ‘Amare le differenze’ di Michelangelo Pistoletto. Fanno parte della Circoscrizione 8 due opere permanenti: ‘Luce Fontana Ruota’ di Gilberto Zorio, una stella rotante che evoca un mulino si potrà vedere nuovamente all’entrata sud della città, nel laghetto di Italia ’61 (corso Unità d’Italia);‘Piccoli Spiriti Blu’ di Rebecca Horn risplenderà ancora al Monte dei Cappuccini. Infine, sarà alla 8 anche ‘My noon’ del tedesco Tobias Rehberger, il grande orologio luminoso che scandisce le ore in formato binario, posizionato nel cortile della scuola elementare Carlo Collodi, in via Giulio Gianelli, dove il 31 ottobre si terrà la festa d’accensione della rassegna.

‘Concerto di Parole’ di Mario Molinari, (di cui è previsto il rifacimento) e ‘Palle di Neve’ di Enrica Borghi torneranno nella XXIII edizione di Luci d’Artista.

LA NUOVA OPERA. ‘M I R A C O L A’ di ROBERTO CUOGHI in piazza San Carlo è un’inedita installazione luminosa ideata dall’artista (Modena, 1973) per Luci d’Artista e realizzata in concomitanza con il 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci (1519). L’opera rappresenta un’esperienza senza precedenti, unica e sinestetica in una delle piazze principali di Torino, piazza San Carlo, nella quale le luci pubbliche e private periodicamente si affievoliscono creando una coreografia luminosa che immerge i passanti in istanti di assoluta oscurità, per poi illuminare nuovamente la piazza. Il passaggio dalla luce all’oscurità genera tensione e aspettativa. L’installazione artistica ha richiesto la collaborazione attiva dei privati e dei locali pubblici che operano nella piazza, dando vita a un’inedita forma di partecipazione cittadina alla creazione dell’opera. Con ‘M I R A C O L A’ la Città di Torino rende omaggio alle teorie sul rapporto tra luce e ombra di Leonardo da Vinci contenute nel suo Trattato della Pittura (1540). L’opera è co-prodotta dalla Città di Torino e dal Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, a cura di IREN, in collaborazione con la Fondazione per la Cultura Torino e della Fondazione Contrada Torino Onlus. È stata realizzata con il sostegno – come main sponsor – dell’azienda piemontese FPT Industrial (leader mondiale nella produzione e vendita di motori industriali) e grazie al supporto di
Hauser & Wirth.

ELENCO LUCI D’ARTISTA
30 OTTOBRE 2019 – 12 GENNAIO 2020
CENTRO CITTÀ
1. Cosmometrie – Mario AIRÒ – piazza Carignano
2. Tappeto Volante – Daniel BUREN – piazza Palazzo di Città
3. M I R A C O L A – Roberto CUOGHI – piazza San Carlo
4. Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime – Nicola DE MARIA – piazza
Carlina
5. Il Giardino Barocco Verticale – Richi FERRERO – via Alfieri 6 – Palazzo
Valperga Galleani – Opera privata permanente
6. L’energia che unisce si espande nel blu – Marco GASTINI – Galleria Umberto I
– Opera permanente
7. Planetario – Carmelo GIAMMELLO – via Roma
8. Migrazione (Climate Change) – Piero GILARDI – Galleria San Federico
9. Cultura=Capitale – Alfredo JAAR – piazza Carlo Alberto – Opera permanente
10.Doppio passaggio (Torino) – Joseph KOSUTH – ponte Vittorio Emanuele I –
Opera permanente.
11.Luì e l’arte di andare nel bosco – Luigi MAINOLFI – via Lagrange
12.Il volo dei numeri – Mario MERZ – Mole Antonelliana – Opera permanente
13.Vento Solare – Luigi NERVO – piazzetta Mollino
14.Palomar – Giulio PAOLINI – via Po
15.Noi – Luigi STOISA – via Garibaldi
CIRCOSCRIZIONI: DALLA 2 ALLA 8
1. ‘Ice cream light’ Vanessa SAFAVI – piazza Livio Bianco (Circoscrizione 2).
2. ‘Volo su…’ – Francesco CASORATI – area pedonale di via Di Nanni
(Circoscrizione 3)
3. ‘Illuminated Benches’ di Jeppe HEIN – piazza Risorgimento (Circoscrizione 4)
4. ‘L’amore non fa rumore’ di Domenico Luca PANNOLI – piazza Eugenio
Montale (Circoscrizione 5)
5. ‘Vele di Natale’ di Vasco ARE – piazza Foroni, zona mercato rionale
(Circoscrizione 6)
6. ‘Ancora una volta’ – Valerio BERRUTI – via Giulia di Barolo – da piazza Santa
Giulia a corso Regina Margherita (Circoscrizione 7)
7. ‘Amare le differenze’ – Michelangelo PISTOLETTO – piazza della Repubblica
– Opera permanente (Circoscrizione 7)
8. ‘Piccoli spiriti blu’ – Rebecca HORN – Monte dei Cappuccini – Opera
permanente (Circoscrizione 8)
9. ‘My noon’ – Tobias REHBERGER – vie Giulio Gianelli/Piobesi/Giardino Pietro
Rava (cortile scuola elementare Carlo Collodi) (Circoscrizione 8)
10. ‘Luce Fontana Ruota’ – Gilberto ZORIO – Laghetto Italia ’61 – Opera
permanente (Circoscrizione 8)

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.