The Milky Way di Pianoterra Onlus: artisti per progetti a sostegno di mamme e bambini – Alla Galleria Franco Noero diTorino

The Milky Way Torino

Caterina Pini, Scacciapensieri, 2017, Acquerello e tempera su carta
29 x 35 cm, Courtesy l’artista

Sono ormai quasi duecento gli artisti che, dal 2014 a oggi, hanno partecipato a The Milky Way, mostra di raccolta di fondi a sostegno delle donne in gravidanza, delle neo mamme, dei bimbi piccoli in contesti di marginalità e disagio. L’iniziativa promossa da Pianoterra Onlus quest’anno approda con la quinta edizione alla Galleria Franco Noero di Torino (piazza Carignano 2 –www.franconoero.com) giovedì 6 febbraio (ore 12-21)e venerdì 7 (ore 10-16). Ingresso libero.

Le  tappe precedenti si sono svolte a Napoli nel 2014 (Galleria Lia Rumma), a Roma nel 2015 (Galleria Studio SALES; a Milano  nel 2016 (Giò Marconi) e di nuovo a Napoli  (Lia Rumma) nel 2018.

La mostra si ispira al tema Interno/Inner e trova la sua ideale collocazione nella Galleria Franco Noero, luogo evocativo con il suo cortile interno che richiama le atmosfere del progetto.

The Milky Way

Yves Scherer, Untitled (Kate), 2018
Libro in cornice d’artista, plexiglass, Coutesy l’artista

Ma come è questo “interno”? Lo spiega la curatrice Damiana Leoni: “È comodo? Confortevole? Protettivo? Ricorda magari il primo “interno” conosciuto, il ventre materno. Suoni attutiti e rassicuranti, primo tra tutti il battito regolare di un cuore, quello del corpo che ci contiene. Un interno morbido, ovattato, niente sbalzi di temperatura, niente traumi, niente privazioni di cibo o acqua. Lo spazio giusto, né troppo grande né troppo piccolo, perfetto per farci crescere dentro un essere umano. O forse è stretto? Compresso? Contratto? Cosa succede in uno spazio così? Cosa succede in un interno che non protegge ma comprime, che non culla ma contrae? Se quell’interno non basta a far respirare, ad aprire e a sciogliere, ma al contrario irrigidisce, ostacola, spegne… cosa succede?”.


The Milky Way Torino 2020

Silvia Giambrone, Frame n. 25, 2020, Legno, metallo, cera, acacia spinosa 18 x 24 cm Edizione unica Courtesy l’artista e Studio Stefania Miscetti

 

Numerosi gli artisti che, anche per questa edizione di The Milky Way,  hanno scelto di sostenere Pianoterra Onlus: Isabel Barber, Pierre Bismuth, Manuele Cerutti, Claudia Comte, Matteo Cordero, Sara Enrico, Jason Dodge, Jos de Gruyter & Harald Thys, Nathalie Du Pasquier, Petra Feriancova, Francesca Ferreri, Shay Frisch, Naoki Fuku, Martino Gamper, Silvia Giambrone, Teresa Giannico, Rodrigo Hernández, Sebastiano Impellizzeri, Eva Kot’átková, KIKKO, Renato Leotta, Tamara MacArthur, Daniele Milvio, Ignasi Monreal, Lulù Nuti, Marco Palmieri, Pietro Pasolini, Federico Pietrella, Benedetto Pietromarchi, Caterina Pini, Andrea Respino, Lili Reynaud-Dewar, Yves Scherer, Enrico Tealdi, Rirkrit Tiravanija e Tomas Vu, Grazia Toderi, Giovanni Vetere, Peter Wächtler.

Pianoterra Onlus interviene al fianco delle famiglie più vulnerabili nei quartieri più difficili, concentrandosi soprattutto sulle mamme e sui bambini, nella convinzione che migliorando le condizioni di partenza di una vita si possa spezzare quel circolo vizioso che vede il disagio trasmettersi da una generazione all’altra. Con i suoi progetti, come The Milky Way,  offre alle donne in gravidanza, alle neo-mamme e ai loro piccoli uno spazio di accoglienza, ascolto e sostegno, e costruisce con ciascuna persona un percorso di accompagnamento personalizzato, fatto di incontri con specialisti della salute materno-infantile, consulenze psico-educative, momenti ludico-ricreativi da trascorrere con altre mamme e con i bambini, bilanci di competenze e corsi professionalizzanti. L’obiettivo è sempre quello di lenire i bisogni più urgenti – quelli materiali, o le emergenze – e fare in modo che ciascuna possa ritrovare fiducia in se stessa e nelle proprie risorse, ed esprimere le proprie potenzialità e i propri talenti.

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.