ISTITUTO “NORBERTO BOBBIO” DI CARIGNANO – Il cibo che veste l’uomo e un progetto del Centro per l’Unesco

Cibo

Una ventina di allievi delle classi Terza C e Quarta C dell’Istituto Alberghiero “Norberto Bobbio” di Carignano hanno partecipato, venerdì 3 maggio scorso, alla giornata conclusiva del percorso formativo intitolato “Patrimonio immateriale: il cibo come mediatore culturale”, svoltosi presso il Centro Unesco di Torino, all’interno del Campus ONU.




La nostra classe Terza C ha lavorato nei mesi di febbraio e marzo 2019, sviluppando il tema “Il cibo che veste l’uomo” in collaborazione con le professoresse Marina Pautasso (italiano) e Paola Cuscinello (alimentazione), mentre la Quarta C ha sviluppato il tema “Matera tra cibo e cultura”, in collaborazione con la professoressa Sabrina Pugliese (italiano e storia) e alla stessa docente di alimentazione.

Progetto sul ciboI ragazzi hanno lavorato in gruppi composti da 5/6 elementi ciascuno, che si sono costituiti su base volontaria, spinti da motivazione e interesse personali. I prodotti presentati sono stati molto vari: cartelloni murali, giochi di squadra, video, disegni, presentazioni multimediali. Durante il lavoro gli allievi hanno avuto modo di riflettere sulle tradizioni culinarie del nostro Paese, partendo da quelle locali e piemontesi e di confrontarle con quelle di altre regioni italiane e di altre culture. Il lavoro di gruppo ha incentivato l’uso di sinergie positive per il raggiungimento di obiettivi comuni e l’acquisizione di strategie di confronto e collaborazione

Progetto sul ciboDurante la giornata del 3 maggio i partecipanti hanno avuto modo di confrontarsi con una realtà molto particolare come quella del Centro Unesco, ubicato nel Centro ONU e sicuramente differente da quella in cui si vive tutti i giorni. Hanno potuto vedere la presentazione di progetti provenienti da scuole di diverso indirizzo, acquisendo nuove conoscenze in ambito alimentare e riflettendo su come poter superare alcuni fattori che causano grandi disagi nel mondo, ad esempio lo spreco del cibo e sull’importanza che possono avere le diverse culture, se interagiscono in armonia fra di loro. Non sono mancati riferimenti alle proficue ricadute economiche che la valorizzazione di alcuni prodotti può portare, con il seguente sviluppo economico locale e la sostenibilità a lungo termine, interessante proprio per la specificità dell’indirizzo scolastico frequentato dagli allievi partecipanti: Accoglienza Turistica.
L’incontro è stato inoltre un modo divertente e diverso per poter rafforzare i rapporti all’interno della classe stessa, nell’ambito di attività extrascolastiche.

Condividi!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.